Mercoledì, 02 May 2018 09:52

50 Special In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

vespino vintage 1

Una Vespa Special elaborata e provata per voi.

Una ricetta semplice ma efficace per ottenere un mezzo dalle prestazioni brillanti e dal look “vintage”.

A cura di Andrea Borelli

Il fascino del bianco panna è ancora immutato. Infatti, ancora oggi, gli amanti e gli appassionati del marchio “Vespa”, hanno nel modello 50 Special di colore bianco panna, uno dei loro veicoli preferiti. Quello che vi presentiamo in queste pagine altro non è che un “riuscito restauro”, con l’aggiunta di qualche personalizzazione estetica. Curata e rifinita, questa Specialina ha anche il gusto di una buona preparazione meccanica, con un motore in grado di offrire prestazioni di bon livello. Non si tratta di una elaborazione estrema, ma di qualcosa “destinato a durare”, senza stravolgere tutto, ma ottimizzando le varie parti in modo da ottenere degli eccellenti risultati.

Bella, lineare, precisa, la nostra specialina trasgredisce dalle linee guida del veicolo originale per la sella “Yankee” a due piani e per la mascherina anteriore, ereditata da una PK.

vespino vintage 4

Questo particolare, rende la parte anteriore più aggressiva e “marcata” e, insieme alla sella, danno al veicolo un tono tipicamente “freak”, molto in voga nella provincia italiana. La fanaleria posteriore è un’altra “variazione sul tema. E’ stato, infatti, utilizzato un faro del modello 125 “primavera”.

vespino vintage 5

Queste piccole trasformazioni estetiche, sono di assoluto gradimento e ben si fondono con il restyling originale del veicolo. Il primo particolare che denota l’elaborazione meccanica è la marmitta Polini a “salsicciotto”.

vespino vintage 3

Questo particolare da anche un buon sound ad un mezzo che continua a far breccia nei nostri cuori. Per mettere in moto, bisogna effettuare degli autentici “riti” propiziatori; aprire la miscela dall’apposito rubinetto e tirare il pomello dell’aria fino in fondo… e poi la scalciata “giusta” sulla leva. Se il rito è eseguito con la precisione maniacale che ogni proprietario di “Vespa” conosce ed “interpreta” per il suo mezzo (e valida solo ed esclusivamente per il “suo” mezzo) il motore si accende.

vespino vintage 6

Il gruppo termico è un DR da 102cc. L’albero motore è stato sostituito con un Mazzucchelli anticipato, mentre la campana è una Z24 elicoidale. Sul carburatore è stato deciso di non esagerare, anche per mantenere bassi i consumi, dato che il veicolo ha un utilizzo quotidiano. Monta infatti, il classico Dell’Orto da 19mm, un autentico “must” in tema di vespe elaborate, ma non solo.

vespino vintage 7

Una ricetta semplice, improntata all’economicità d’esercizio senza rinunciare ad un buon livello prestazionale. Nella prova dinamica, infatti, emerge una buona godibilità del mezzo, in grado di assicurare ottime performance in ripresa ed in accelerazione. Anche la massima velocità raggiungibile è discreta, ma il mezzo non ha l’equilibrio ciclistico e soprattutto i freni per osare e cercare l’ultimo chilometro orario… Per cui, ci contentiamo di prestazioni presunte vicine ai 90km/h. La cambiata è un po’ macchinosa, come su tutte le Vespe e la modulabilità della frenata è quella… di un mezzo di oltre 30 anni.

vespino vintage 8

Ideale per circolare in centri urbani, ci appare un veicolo da guidare in sourplace, perché la ricerca di passaggi “nervosi” tra le macchine potrebbe dar vita a degli autentici disastri. Ma ovviamente, chi sceglie la “Vespa” per i propri spostamenti, questo lo sa bene. Resta il fascino innato di questo veicolo, la cui libidine è guidarlo con tutti i suoi pregi e difetti, e soprattutto il godersi ogni singola marcia e la progressione ad ogni cambiata grazie alle ottime performance ottenute con l’elaborazione dalla ricetta semplice ma efficace.

Letto 1917 volte
Altro in questa categoria: « MBM Amico

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Resta in contatto